In bici dal Piave ai Sibillini: giorno 20

10 Agosto 2017: tutti a lavoro

Naturalmente “il mattino ha l’oro in bocca”: chi ormai ci conosce sa bene che siamo svegli e pronti l’alba per prpeparare la colazione e poi mettersi al lavoro con gli scout.
Federica deve andare in Comune per la consueta burocrazia italiana, veloce come sempre, post-terremoto e allora prendiamo noi il comando (Chiara più che altro) gestendo i lavori con gli scout. Pure Franco si ritrova a prendere ordini in casa sua da Chiara! Dopo tutto è un toro haha.

E’ sorprendente come in un giorno ci siamo già ambientati così bene, ed anche Franco e Federica sono stupiti. E gli scout ci credono due persone che lavorano li da mesi, e invece sono solo 2 giorni che siamo arrivati.
Verso le 14:00 riusciamo a finire tutti i lavori che erano da fare: ora nel giardino dell’agrinido c’è lo spazio per la costruzione del playground che inizierà la settimana successiva!
A pranzo abbiamo il tempo di riposarci un po’, ma poi nel pomeriggio ci mettiamo a fare acchiappasogni che ci serviranno per la sera: ci hanno invitato al campo scout a Monastero. Ci sarà tanta gente e forse riusciremo a raccogliere ancora qualche donazione.

In realtà poi, una volta lassù, ci rendiamo conto che per come è impostata la serata forse è meglio se torniamo il giorno dopo a raccontare del nostro viaggio. Restiamo comunque li a goderci Maurizio Serafini che presenta il suo documentario “Oltre il varco”. Restiamo affascinati da questa atmosfera magica, Maurizio ci fa viaggiare nel tempo e nella spazio con il suo racconto del Nepal.

“Il vero viaggio di scoperta consiste nell’avere nuovi occhi”.

Qusta frase ci culla i pensieri prima di farci addometare nella yurta a San Ginesio.

Condividi :

Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su facebook

Canale Youtube

Hai già visto gli ultimi video sul nostro canale? Iscriviti per restare sempre aggiornato. Presto arriveranno altre avventure!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More Adventures

Il flusso

Liberare la mente da ogni cosa. Lottare intensamente per raggiungere l’unica cosa veramente importante nella vita: la felicità.  Senza dubbio questo è il più nobile

Sono davvero felice?

Sono davvero felice? Questa è una domanda che mi sono posto spesso e, forse anche a causa degli anni che piano piano avanzano, ora la risposta mi sembra sempre più chiara. Certo, spaventa molto fare il grande passo per uscire dal recinto in cui abbiamo sempre vissuto.